Login


Register | Recover Password
 

Detrazione Interessi sui mutui – Deduzione fino al 2017 per chi compra e poi affitta

Interessi e oneri su mutui acquisto “abitazione principale”:
Gli acquirenti di immobili da adibire ad abitazione principale che hanno contratto un mutuo possono usufruire della detrazione di imposta dell’irpef nella misura del 19% degli interessi passivi e gli oneri accessori. Il limite per la detraibilita’ e’ fissato in 4.000 euro (nuovo importo fissato dalla finanziaria 2008, prima era di 3.615,20 euro) complessivi per anno di imposta.

I principali requisiti per usufruirne sono:
– l’acquisto dell’immobile deve essere effettuato nell’anno precedente o successivo alla data di stipula del contratto di mutuo (termine non preso in considerazione nei casi in cui il contratto venga estinto per stipularne uno nuovo di importo non superiore alla residua quota di capitale da rimborsare);
– nel caso in cui l’immobile sia locato deve essere notificato l’atto di sfratto entro tre mesi dall’acquisto, e la casa dev’essere adibita ad abitazione principale entro un anno dal rilascio.

Interessi e oneri su mutui costruzione “abitazione principale”:
Chi stipula un mutuo per la costruzione della casa di abitazione puo’ usufruire della detrazione di imposta dall’irpef nella misura del 19% degli interessi passivi e degli oneri accessori. Il limite per la detraibilita’ e’ fissato in euro 2.582,28. La nuova condizione per usufruire del beneficio (prevista dal decreto fiscale collegato alla finanziaria 2008. d.l.159/07 diventato legge 222/07) e’ che il contratto di mutuo intestato al proprietario dell’immobile sia stato stipulato nei sei mesi antecedenti -o nei diciotto mesi successivi- all’inizio dei lavori di costruzione.

Mutui abitazione principale: imposta sostitutiva del 2%
Ulteriore ma non ultima agevolazione rilevante riguarda l’imposta sostitutiva delle imposte dovute (registro, ipotecarie, catastali e bolli) sui contratti di mutuo relativi all’acquisto o alla costruzione dell’abitazione principale.
Per questi contratti, per effetto delle disposizioni della finanziaria 2008 (che ha, in questo caso, modificato l’art.18 del dpr 601/73), si applica l’imposta sostitutiva del 2%.

 

Deduzione irpef del 20% come funziona. Per gli acquisti effettuati dall’1 gennaio 2014 fino al 31 dicembre 2017 dalle persone fisiche di immobili residenziali di nuova costruzione rimasti invenduti alla data di entrata in vigore (12 novembre 2014) della legge 164 di conversione spetta una deduzione irpef pari al 20% del prezzo di acquisto dell’immobile. Si tratta di un beneficio che determina una riduzione del reddito imponibile su cui calcolare le imposte; la deduzione spetta anche in caso di immobili residenziali che abbiano formato oggetti di interventi di ristrutturazione edilizia o di restauro e di risanamento conservativo (articolo 3, comma 1, lettera c e d del testo unico dell’edilizia)

Limite spesa – la deduzione irpef pari al 20% del prezzo di acquisto dell’immobile può avvenire nel limite massimo della spesa pari a 300mila euro. l’importo massimo della deduzione, inoltre, non può superare i 60mila euro, il risparmio fiscale dipenderà dall’aliquota marginale del contribuente

A chi spetta – la deduzione non è prevista solo per gli acquisti effettuati dall’1 gennaio 2014 fino al 31 dicembre 2017 di immobili residenziali di nuova costruzione rimasti invenduti alla data di entrata in vigore (12 novembre 2014) della legge 164 di conversione, ma anche per le spese sostenute per la costruzione dell’immobile su aree edificabili già possedute dal contribuente prima dell’inizio dei lavori o sulle quali sono già riconosciuti diritti edificatori. in questo caso le spese di costruzione su cui calcolare il bonus devono essere attestate dall’impresa che ha eseguito i lavori;altro aspetto da tenere a mente riguarda il fatto che durante la fase di conversione è stata prevista l’estensione del beneficio anche agli interessi passivi dipendenti da mutui contratti per l’acquisto delle unità immobiliari rientranti nel perimetro applicativo dell’agevolazione

Condizioni – ma ci sono delle condizioni affinché la persona fisica possa beneficiare della nuova deduzione. innanzitutto, l’immobile residenziale, rimasto invenduto al termine dei lavori di costruzione, deve essere concesso in locazione entro sei mesi dall’acquisto o dal termine dei lavori di costruzione

la locazione deve durare almeno otto anni e deve avere carattere continuativo. secondo quanto previsto dalla legge di conversione, il diritto alla deduzione non viene meno se, per motivi non imputabili al locatore, il contratto di locazione si risolve prima degli otto anni previsti, ma in tale ipotesi, per evitare la decadenza dal bonus, deve essere stipulato un nuovo contratto entro un anno dalla precedente risoluzione

Caratteristiche immobile – l’immobile deve essere di tipo residenziale e non deve avere caratteristiche di lusso, questo vuol dire che non deve essere classificato o non deve essere classificabile nelle categorie a1, a8 o a9. l’immobile, poi, non deve essere ubicato nelle zone omogenee di classe e, cioè destinate ad usi agricoli. un altro aspetto da tenere presente è la prestazione energetica dell’immobile, che deve essere in possesso di una certificazione energetica di classe a o b

Canone – per quanto riguarda il canone richiesto, quest’ultimo non deve essere superiore a quello determinabile secondo i criteri e i parametri di cui alla convenzione tipo approvata dalla regione (articolo 19 dpr 380/2001). in alternativa, il canone di locazione non deve essere superiore al minor importo tra quello relativo ai contratti a canone concordato (articolo 2, comma 3 legge 431/1998) e quello stabilito ex articolo 3, comma 114, della legge 350/2003. tra il locatore e il conduttore non devono sussistere rapporti di parentela entro il primo grado

Usufrutto – secondo quanto stabilito dalla legge di conversione, la deduzione è riconosciuta anche nel caso di immobili ceduti in usufrutto a soggetti pubblici o privati operanti dal almeno 10 anni nel settore degli alloggi sociali. deve però essere mantenuto il vincolo alla locazione

Quota deduzione annuale – l’importo della deduzione deve essere suddiviso in otto quote di pari importo a partire dall’anno in cui l’immobile acquistato risulta concesso in locazione

 

Print
Copyright © 2014 STUDIO CONTI AGENZIA IMMOBILIARE S.A.S. DI FABRIZIO CONTI & C. - VIA DANTE 2/152 - 16121 GENOVA - P.I. 01615860994